Serie A, la Juventus allunga in vetta, +7 dalla Lazio

La Juventus allontana la Lazio (adesso a -7) ed è sempre più sola in vetta alla classifica.

Il big match Napoli-Roma chiude la 30esima giornata del campionato di Serie A.  Giornata ricca di sorprese quella appena conclusa con la Lazio che, clamorosamente, cade con il Milan subendo una brutta e pericolosa battuta d’arresto. L’Inter non approfitta del passo falso dei bianconeri e lasciano la Juventus in fuga.

Juventus e Lazio si affrontano a distanza in match ricchi di gol, ad avere la meglio è la Juventus

Nel primo match della 30esima giornata la Juventus si aggiudica il derby contro il Torino con un sonoro 4-1 allungando sulla Lazio duramente sconfitta dal Milan nel match serale.

La Juventus continua la sua corsa solitaria, stop per Lazio e Inter sconfitte

Tutto facile per la Juventus che annienta un sopito Torino nel derby. Già nel primo tempo i bianconeri sono in vantaggio con due gol, Dybala e Cuadrado, e giocano sul velluto anche se, su calcio di rigore, Belotti accorcia momentaneamente le distanze. A rendere ancora più interessante e brillante la partita è il tris di Cr7 direttamente su punizione, gol che spegne definitivamente il Torino. Gli ospiti faticano, infatti, a mantenere la concentrazione e nel finale concedono anche il quarto gol, con una autorete, che allontana ancora di più la Lazio battuta da un ottimo Milan.

Il Milan costringe la Lazio alla resa con un match di carattere e grande concentrazione. I biancocelesti subiscono un pesante stop nella corsa scudetto portandosi così a -7 dalla capolista Juventus. Il Milan domina il match e sblocca il risultato con il bel gol di Calhanoglu e si porta sul doppio vantaggio prima dello scadere del primo tempo, con il calcio di rigore siglato da Ibrahimovic. A chiudere i giochi è Rebic che con il tris spegne l’entusiasmo in casa Lazio.  

Dopo la Lazio, pesante sconfitta anche per l’Inter

Pesante sconfitta anche per l’Inter che perde l’occasione per recuperare punti e avvicinarsi al secondo posto. I nerazzurri, nonostante un match positivo e vivace, falliscono l’appuntamento più importante annullando la buona occasione per risalire la classifica, approfittando del passo falso della Lazio. L’Inter sblocca la partita con il gol di Lukaku ma non basta. Il Bologna non si lascia sopraffare e concentra le energie in attacco con il palo sfortunato di Barrow che, nel finale si fa perdona con il gol del raddoppio. L’Inter prova a fare la partita ma Skorupski è bravo prima a parare il calcio di rigore di Lautaro, poi nel respingere anche la ribattuta di Gagliardini. Juawara pareggia e come detto Barrow chiude per una bella vittoria e una bella partita segnata in negativo solo dalle espulsioni di Soriano e Bastoni, una per parte.  

Tanti gol tra Sassuolo e Lecce

Match strepitoso tra Sassuolo e Lecce che segnano sei gol regalando spettacolo. I padroni di casa partono subito forte sbloccando il match dopo 5’. Il Lecce è comunque in partita e pareggia e riaprendo il match. A consentire il raddoppio al Sassuolo prima e al Lecce poco dopo sono due calci di rigori. Sul 2-2 il match sembra equilibrato ma nel finale il Sassuolo con le ultime forze rimaste mette il turbo e con Boga e Muldur chiude il match sul 4-2. Partita ricca di emozioni per un finale mai scontato.

Sono tanti i gol della 30esima giornata del campionato

All’Atalanta basta un gol per imporsi sul Cagliari. La Dea continua a imporsi con regolarità raggiungendo l’ottava vittoria consecutiva. Il Cagliari lotta anche in inferiorità numerica e anche se  l’Atalanta crea ancora il match termina 1-0.  

Solo un pareggio (2-2) tra Udinese e Genoa. Gli ospiti raggiungono il pareggio nel finale, dopo un match divertente. L’Udinese si impone portandosi in vantaggio per ben due volte ma il Genoa non si arrende e strappa, in rimonta, un pareggio che alleggerisce la pressione.

Con due gol nel primo tempo il Brescia si impone sull’Hellas Verona che vede, adesso, la zona Europa sempre più lontana.

Vince anche la Fiorentina. In una partita infinita per recupero e consultazioni Var, a farla da padrone sono i calci di rigore, tre calci di rigore. Due nel primo tempo per la Fiorentina e uno per padroni di casa nella ripresa.

Buona prova anche della Sampdoria che un netto 3-0 batte la Spal. Gara mai in discussione per i padroni di casa che già nel primo tempo, con due gol, mettono in cassaforte la vittoria. Nella ripresa il tris conferma solo il buon momento dei blucerchiati che meritatamente si aggiudicano la vittoria.

Big match vivace tra Napoli e Roma

Dopo un avvio lento il Napoli gioca con più aggressività mettendo il portiere giallorosso a dura prova. Il gol non arriva ma i partenopei ravviano il gioco con pressione e una traversa che fa tremare la Roma. Anche i giallorossi provano a creare e fare la partita ma faticano ad arrivare in porta. Il primo termina con azioni da una parte e dall’altra ma il risultato resta fermo sullo 0-0, specchio del grande equilibrio tra le due formazioni. Nella ripresa il Napoli affonda subito il colpo con il gol in velocità di Callejon. I festeggiamenti son destinati a finire presto con la Roma pronta a pareggiare con un bel gol di Mkhitaryan che fa tutto da solo. A mettere a segno il gol del raddoppio è Insigne con un gran bel tiro, un destro a giro imparabile per Lopez. Il Napoli continua a lottare ed è  vicino al terzo gol con Insigne, ma l’arbitro annulla giustamente per fuorigioco. La Roma prova a reagire ma il risultato non cambia e la squadra di Gattuso raggiunge i giallorossi a 48 punti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Per inserire il commento devi rispondere a questa domanda: *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.