Champions League – Il Barcellona cerca l’impresa contro il Chelsea. Bayern contro la sorpresa Besiktas

8135DFA1-B930-4A1D-9D54-8919D625CA94Chelsea e Barcellona rinnovano la loro rivalità nell’andata degli ottavi di finale di Champions League in quella che é diventato un classico europeo degli ultimi anni. Dal 2000, le due squadre si sono affrontate ben 12 volte, sempre nella massima competizione europea per club. Inoltre, cinque dei sei confronti sono stati a eliminazione diretta e hanno riservato grandi emozioni e furiose polemiche. Il precedente più controverso resta quello del 2009, quando il Chelsea venne beffato a Stamford Bridge da un gol all’ultimo secondo di Iniesta al termine di una gara in cui l’arbitro norvegese Tom Henning Ovrebo sorvolò su almeno 2-3 chiari episodi da rigore in area blaugrana. I Blues si sono vendicati tre anni dopo eliminando il Barça e mettendo la parola fine al ciclo di Pep Guardiola.

La sfida di quest’anno vede affrontarsi due squadre che stanno attraversando due differenti stati di forma, con i catalani saldamente primi in campionato e il Chelsea in difficoltà con il futuro del tecnico Antonio Conte sempre più in bilico.
Proprio l’ex tecnico della Juve, però ha l’occasione perfetta per riaffermare il suo status come uno dei migliori allenatori d’Europa. Sulla sua strada c’é però Leo Messi. “E’ un giocatore fantastico, dobbiamo lavorare di squadra per fermarli. Ma il Barcellona non é solo Messi, . Siamo pronti a soffrire e abbiamo preparato la partita con grande attenzione”, ha detto Conte in conferenza stampa. Per il momento il pensiero di Conte é tutto rivolto al doppio confronto contro i blaugrana e non alla sua situazione contrattuale con il Chelsea che lo vede in bilico per la prossima stagione. “Stiamo parlando di una grande partita contro una fantastica squadra, una delle migliori al mondo. Sono un genere di sfide che crea entusiasmo. Non sarà facile perché, ripeto, loro sono una squadra fantastica con giocatori straordinari. Parliamo di gente come Messi, Suarez, Iniesta, e dell’intera squadra”, ha aggiunto.

In casa Barcellona, Valverde nei suoi primi otto mesi é riuscito a sopperire alla partenza di uno dei componenti della MSN, il trio delle meraviglie che ha creato e fatto coesistere l’ex tecnico Luis Enrique: Neymar, partito in estate alla cifra record di 222 milioni verso Parigi. L’allenatore spagnolo ha sfruttato a dovere la rosa a disposizione passando dal tradizionale 4-3-3 a un 4-4-2 che ha reso la difesa molto più solida, con un solo gol incassato nelle prime sei gare di Champions. Ma soprattutto, la calma di Valverde ha ridato stabilità a un club che aveva disperatamente bisogno di una mano ferma dopo un’estate tumultuosa. “Il Chelsea é un avversario fisico che difende molto bene e ha giocatori che possono sorprenderti in contropiede”, ha dichiarato Valverde parlando in conferenza stampa. “Quello di cui sono sicuro é che sarà una eliminatoria difficile per entrambi e noi vogliamo andare avanti”, ha aggiunto il tecnico blaugrana. Sul tabù di Messi, mai a segno contro il Chelsea, ha dichiarato: “E’ vero che Leo non ha avuto fortuna con il Chelsea, ma quell è il passato”. Valverde ha infine parlato proprio di Conte: “E’ uno dei migliori allenatori del mondo, con un curriculum straordinario, la sua impronta é evidente nelle squadre in cui é stato, tutti sanno cosa devono fare in ogni momento, per me é una sfida affrontarlo”. Parole che il tecnico italiano avrà sicuramente apprezzato ma che lo caricheranno ancora di più per questa super sfida.
Bayern Monaco – Besiktas

AEE518EC-E36F-46BA-AF6B-71E8EF5AED89L’altra partita della giornata vede in lizza una delle pretendenti alla vittoria finale contro una delle sorprese della fase a gironi. Tra Bayern Monaco e Besiktas sarà una sfida scoppiettante ed avvincente. I bavaresi sono i naturali favoriti, sono in un periodo di forma straordinaria con vantaggi siderali in una Bundesliga letteralmente dominata. Ma questo potrebbe essere anche un problema nel cammino verso la finale di Champions: un campionato poco allenante rischia di far perdere la forma e l’abitudine alla battaglia alla squadra proprio come capitato durante l’epoca Guardiola. In conferenza stampa il tecnico del Bayern ha elogiato la squadra turca. “Il segreto del successo del Besiktas é il loro tecnico. A 65 anni ha ormai grande esperienza internazionale ed é uno dei migliori in circolazione. La sua é una squadra organizzata e molto pericolosa in contropiede: devo davvero fargli i complimenti”. Così l’allenatore del Bayern Monaco Jupp Heynckes ha avuto parole d’elogio per il suo alter ego Senol Günes, alla vigilia della sfida di Champions League contro il Besiktas. “Il Besiktas sa giocare bene a calcio e non mi sorprende che abbia raggiunto gli ottavi di finale”, ha aggiunto il tecnico dei bavaresi come riporta il sito dell’Uefa.
“Nella fase a gironi hanno vinto tutte tre le trasferte e verranno qui a fare la loro partita senza troppi tatticismi – ha continuato ancora Heynckes – toccherà a noi non permettergli di giocare il loro calcio offensivo. Dovremo fare molta attenzione a non concedere loro delle occasioni e spero che domani la mia squadra metta la prima pietra per il passaggio del turno”. “Quest’anno la Champions League é più competitiva che mai e come sempre tutti i grandi club la vogliono vincere. Ce ne sono cinque dall’Inghilterra, soprattutto quelli che si sono raffonrzati in estate e nel mercato di gennaio. Sono davvero tante le favorite, non solo Barcellona, Real Madrid e PSG”, ha concluso.

Scrivi