Scaccia il  moscerino, così lo farai emozionare

moscerinodellafruttaR375_17apr09Conoscere il complesso funzionamento delle emozioni nell’uomo è uno delle tante aree di indagine delle Neuroscienze. A volte però bisogna scendere a compromessi, studiare esseri viventi più piccoli per poter osservare e comprendere a fondo i circuiti neurali coinvolti. Lo ha fatto il premio Nobel Kandel quando preferì studiare  la memoria della lumaca Aplysia dopo essersi reso conto di quanto fosse difficile  analizzare la memoria (ippocampo) delle scimmie. Così passò rapidamente dalle scimmie ad una lumaca di circa 30 cm di lunghezza con un circuito cerebrale più semplice.

Gli insetti sono un importante modello per lo studio delle emozioni; anche se i topi sono più vicini agli esseri umani sull’albero genealogico evolutivo, il moscerino della frutta ha un sistema neurologico molto più semplice che è più facile da analizzare. In questi ultimi anni dunque una “star” molto studiata dai neuroscienziati per esaminare il cervello è stato  proprio il moscerino della frutta. La presente ricerca  è stata pubblicata sulla rivista Current Biology on line il 14 maggio 2015 da un gruppo di studiosi del California Institute of Technology ( Caltech-Pasadena-CA)  a firma di William T. Gibson, Carlos R. Gonzalez, David J. Anderson (et al.).

La domanda che si sono posti i nostri autori è semplice e complessa nello stesso tempo: il moscerino della frutta prova emozioni? Sembrerebbe di si.

Un moscerino  della frutta  ronza  intorno al cibo di  un pic-nic, noi passiamo la mano sopra l’insetto e questo vola via. Ma quando l’insetto lascia la scena, lo sta facendo così perché è in realtà ha paura?  Lo studio delle emozioni in insetti o qualsiasi altro animale può anche essere difficile.

“Ci sono due problemi: in primo luogo, il cervello di una mosca è molto diverso dal nostro, e in secondo luogo, la storia evolutiva di una mosca è così diversa dalla nostra che, anche se si potesse dimostrare al di là di ogni dubbio che vola avendo emozioni, quelle emozioni probabilmente non sarebbero le stesse che hanno gli esseri umani. “dice William T. Gibson. “Per queste ragioni, nel nostro studio, abbiamo voluto adottare un approccio oggettivo”.

“C’è stato dibattito in corso da decenni su cosa significa ‘emozione’, e non esiste ancora una definizione generalmente accettata. In un articolo che Ralph Adolphs  (Professore di Psicologia e Neuroscienze e professore di Biologia alla Caltech) ha di recente ho scritto, “portiamo avanti l’idea che le emozioni sono un tipo di stato interno del cervello con certe proprietà generali che possono esistere indipendentemente dai sentimenti coscienti, che possono essere studiati solo negli esseri umani “, dice Anderson. “Ciò significa che siamo in grado di studiare questi stati del cervello in modelli animali come le mosche o topi senza preoccuparci se hanno ‘sentimenti’ o no. Utilizziamo i comportamenti base che esprimono questi stati come  lettura”.

Gibson spiega per analogia che le emozioni possono essere suddivise in queste primitive emozioni tanto quanto un colore secondario, come l’arancio, può essere separato in due colori primari, giallo e rosso.

I ricercatori hanno scelto di studiare cinque emozioni primitive osservando gli insetti in presenza di uno stimolo induce che induce paura. I movimenti dei moscerini sono stati poi monitorati utilizzando un programma software realizzato in collaborazione con Pietro Perona, professore di Ingegneria alla Caltech.

“Questi esperimenti forniscono la prova oggettiva che stimoli visivi progettati per simulare un predatore  possono indurre uno stato interno persistente e scalabile di eccitazione difensivo nei moscerini, che può influenzare il loro comportamento successivo per minuti dopo che la minaccia è passata”, dice Anderson. Ancora uno studio stupefacente anche se complesso.

di Dr. Gherardo Tosi

Psicologo – Psicoterapeuta

00152 Roma

E.mail : tosighe@libero.it

Foto: ilsussidario.net

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Per inserire il commento devi rispondere a questa domanda: *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.