Marte stiamo arrivando! Con Bowie ed una decapottabile rossa

90A08CAF-C5C6-480B-B726-59547EB33AE3Elon Musk, un quarantaseienne sudafricano già inventore di PayPal e membro del CEO Tesla ( le famose auto elettriche), ha dato il via al progetto che intende portare l’uomo su Marte.

ELON MUSK E LA SPACEX

Nel 2002 il Sig. Musk, fonda la SpaceX, agenzia di voli aerospaziali privata con l’obiettivo di ridurre i costi dell’esplorazione spaziale e la colonizzazione del pianeta rosso.  I progetti della SpaceX sono letteralmente sorretti dai razzi vettori (detti stadi) Falcon, dei razzi di nuova progettazione che permettono di essere riutilizzati dopo ogni lancio. Anni di progettazione hanno portato a sviluppare un sistema pilotato che permette ai vettori Falcon di poter atterrare in modo direzionabile grazie a dei sistemi di mini razzi, abbattendo in modo notevoli i costi di una missione;  fino ad ora infatti dopo ogni lancio gli stadi venivano fatti cadere in mare aperto o abbandonati nello spazio diventando di fatto rifiuti. L’altro progetto che fa parte del progetto SpaceX è la capsula Dragon, giù in uso per i rifornimenti alla stazione spaziale internazionale, che in futuro potrà ospitare un equipaggio di massimo sette persone. L’insieme di queste strutture forma il Falcon Heavy, l’imponente mezzo di 70 metri di altezza composto da tre Falcon 9 con la capsula Dragon innestata sopra lo stadio centrale, il tutto sospinto da 27 motori Merlin.

GLI OBIETTIVI

Elon Musk

Elon Musk

Il primo dei tre obiettivi della SpaceX è quello di ridurre i costi dei viaggi spaziali proprio grazie alla possibilità di riutilizzo dei Falcon, che lascerebbero come costo principale quello del carburante abbattendo di fatto quello della costruzione dei mezzi. La stessa capsula Dragon è progettata in modo da ridurre al minimo il bisogno di carburante per le proprie attività, grazie anche ad un sistema di pannelli solari di nuova generazione; la capsula Dragon dovrà però essere migliorata notevolmente per portare l’uomo su Marte, in quanto attualmente non sarebbe in grado di proteggere efficacemente l’essere umano dalle radiazioni dello spazio. Il secondo obiettivo è quello di compiere una missione in orbita lunare entro la fine del 2018 ma il terzo e più importante obiettivo della missione è: portare l’uomo su Marte entro gli anni 20 e addirittura colonizzare Marte negli anni 30.

06-02-2018 UN GIORNO DA LIBRI DI SCUOLA.

848B418A-E398-45F4-94F2-36C5FDEE2900Alle ore 19.30 italiane dalla piattaforma Space Center, Pad 39a del John F. Kennedy di Cape Canaveral in Florida si è aperta la finestra di lancio del Falcon Heavy, per il primo lancio test. A causa di condizioni climatiche avverse nell’atmosfera (20% di vento in più oltre la soglia di sicurezza) l’operazione è stata in bilico ma fortunatamente alle ore 20.45 sono iniziate le operazioni di carico dei serbatoi del carburante. Alle 21.45 italiane, a 15′ dalla chiusura della finestra di lancio il countdown è terminato perfettamente ed il Falcon Heavy ha spiccato il volo in mondovisione grazie alla diretta streaming. Dopo 3′ dal lancio il distacco degli stadi Falcon 9 è avvenuto perfettamente  grazie ad una propulsione che ha generato quasi 23’000 kilonewton di potenza e 4′ più tardi c’è stato l’aspetto più scenografico e simbolico dell’operazione: ad una velocità prossima ai 15’000 km/h dalla capsula Dragon è stato liberato nello spazio il primo carico, una Tesla Roadster rossa con a bordo un manichino dalle sembianze umane soprannominato Starman, il tutto accompagnato da Life on Mars di David Bowie in sottofondo. La vettura è attualmente lanciata verso il pianeta rosso ed è destinata a raggiungere l’orbita di Marte. Questo lancio è stato eseguito per dimostrare che il progetto SpaceX è in grado di raggiungere Marte. Sempre in diretta streaming è stato possibile vedere i Falcon 9 sganciati dopo il lancio atterrare intatti sulla base in Florida.

CCBD1823-FBF0-4F06-B741-D88ACC14F975Lo spettacolo a cui gli appassionati hanno assistito è una progressione scientifica notevole, vedendo le foto della Tesla liberata nello spazio si fatica a credere che ci sia una macchina direzionata verso Marte, il viaggio può essere seguito grazie alla diretta streaming su youtube al seguente link VIAGGIO TESLA VERSO MARTE

Per chi invece volesse rivedere il lancio è possibile farlo al seguente link LANCIO FALCON HEAVY

Foto: SpaceX / Getty Images

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Per inserire il commento devi rispondere a questa domanda: *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.