Rebus Autismo, un’infiammazione materna può spiegarlo in parte?

autismo-2Nuovamente a “caccia” di novità sull’autismo, una neuropatologia che sta interessando decine di ricercatori in tutto il mondo per la sua complessità.

Il nuovo studio è stato pubblicato sull’edizione on line (ottobre 2014) della rivista “Stem Cell Reports” a firma di Janel E. Le Belle; Harley I. Kornblum (et al.)  dell’Università della California (UCLA) con molti altri Istituti americani, Fondazioni e con il contributo del National Institute of Health –NIH.

E’ stato trovato legame tra la crescita eccessiva delle cellule staminali neurali e l’autismo nei topi.

Un’infiammazione materna potrebbe innescare una crescita eccessiva delle cellule staminali cerebrali che è stato da pochi anni collegato al probabile sviluppo di disturbi dello spettro autistico.

Nello studio condotto da ricercatori dell’UCLA si dimostra come, nei topi in gravidanza, una infiammazione, prima linea di difesa del sistema immunitario, può avviare una divisione eccessiva di cellule staminali neurali che possono causare la “proliferazione” nel cervello del neonato.

Sappiamo, da recenti studi, che le persone con disturbo dello spettro autistico spesso sperimentano un periodo di crescita accelerata del cervello dopo la nascita.

Nello studio, i ricercatori hanno imitato fattori ambientali che potrebbero attivare il sistema immunitario – come un’infezione o una malattia autoimmune – iniettando in un topo incinta una dose molto bassa di lipopolisaccaride, una tossina trovata nel batterio E. coli.

I ricercatori hanno scoperto che la tossina ha causato un ‘eccessiva produzione di cellule staminali neurali aumentando lo sviluppo dei cervelli della prole.

Le cellule staminali neurali diventano i principali tipi di cellule nel cervello, tra cui i neuroni che elaborano e trasmettono le informazioni e le cellule gliali che sostengono e li proteggono.

In particolare, i ricercatori hanno scoperto che i topi con cervelli ingranditi erano presenti comportamenti come quelli associati con l’autismo negli esseri umani. Ad esempio, erano meno propensi a vocalizzare quando sono stati separati dalla loro madre come cuccioli, erano meno propensi a mostrare interesse nell’ interagire con altri topi, hanno mostrato un aumento dei livelli di ansia ed erano propensi a impegnarsi in comportamenti ripetitivi come eccessiva toelettatura. Kornblum, che è anche un professore di psichiatria, farmacologia e pediatria presso la David Geffen School of Medicine alla UCLA, ha detto che ci sono molti fattori ambientali che possono attivare il sistema immunitario di una donna incinta. Egli ha osservato che l’autismo è chiaramente un disturbo altamente ereditabile, ma altri fattori non-genetici giocano chiaramente un loro ruolo.

“L’autismo è un complesso gruppo di disturbi, con una varietà di cause”, ha detto Kornblum. “Il nostro studio mostra che l’infiammazione materna potrebbe essere uno di quei fattori che interagisce con altri fattori di rischio noti. In accordo con i risultati clinici del passato, questi dati aggiungono  elementi di prova significativi che l’autismo-associato ad alterazioni cerebrali inizia a livello prenatale e continua a evolversi dopo la nascita”.

Ancora un risultato sorprendente. Avanti così Neuroscienze.

Dr. Gherardo Tosi

Psicologo – Psicoterapeuta

00152 Roma

mail: tosighe@libero.it

Foto: anconatoday.it

1 risposta

  1. Avatar
    cerzagiuliana

    Congratulazioni per la chiarezza….interessante la divulgazione e l’aggiornamento sull’argomento da parte del dottor Toso.

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Per inserire il commento devi rispondere a questa domanda: *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.