Le “Tagliatelle fruttariane di zucchina al ragù di melanzana” di Silvia Aliprandi

tagliatelle fruttePer soddisfare il nostro palato, unitamente alla nostra voglia di restare leggeri e rispettare il mondo animale, vi propongo una sfiziosa ricetta ideata dalla fruttariana Silvia Aliprandi, personaggio di spicco del cosiddetto “fruttarismo sostenibile” (l’unico fruttarismo perfettamente bilanciato secondo tutti gli aspetti nutrizionali), un regime alimentare ed uno stile di vita che abbraccia la visione specie-specifica degli alimenti adatti alla specie umana.

La milanese Silvia Aliprandi è famosa per le originali ricette carpotecniche (da karpos=frutto, tecnica di lavorazione della frutta dolce non acida, frutta grassa e frutta ortaggio) nelle quali segue la sequenza alcalinizzante.

Ingredienti per una porzione:

– 2 zucchine di medie dimensioni (ca.230/250gr. cad., meglio se della varietà gialla)

– 450gr. ca. melanzana (1 melanzana di medie dimensioni)

sugo fruttariano di pomodoro

– 10gr. olio evo denocciolato + 10gr.

– 1gr. sale marino integrale + q.b.

Con un pelapatate private la melanzana della buccia e tagliatela a cubetti quindi tritatela grossolanamente con un tritatutto (il trito deve mantenere consistenza senza diventare troppo fine)

Poco per volta poi strizzate con le mani il trito ottenuto in modo da privarlo del liquido e mettetelo in una ciotola, unite 10gr. di olio e 1gr. di sale, amalgamate e stendete il trito sul ripiano dell’essiccatore.

Essiccate quindi per circa 1 ora e mezza a 42°. In alternativa potete utilizzare il forno a 50° lasciando lo sportello leggermente aperto, per circa 40min.

Spiralizzate la zucchina con l’apposito strumento (Mastrad) utilizzando il taglio a tagliatella (se volete ottenere un effetto cromatico che sia il più vicino possibile alla pasta tradizionale, privare la zucchina della buccia con l’aiuto di un pelapatate prima di spiralizzarla

 Se avete a disposizione le zucchine gialle non è necessario privarle della buccia in quanto assomiglieranno assai alla pasta fresca tradizionale

Mettete le tagliatelle in una ciotola, portate ad ebollizione dell’acqua in una pentola e metteteci sopra la ciotola/piatto contenente le tagliatelle, coprite e lasciate scaldare a bagnomaria per circa 10/15min, rigirando a metà tempo

Per il bagnomaria utilizzate piatti/ciotole di ceramica o l’apposita bastardella

Il tempo di bagnomaria sarà proporzionale al grado di ammorbidimento delle tagliatelle che volete ottenere, potrà quindi essere più lungo o più breve di quello indicato

Unite il trito di melanzana essiccato al sugo fruttariano di pomodoro per ottenere il ragù

Quando le tagliatelle saranno pronte scolatele se dovessero aver rilasciato del liquido, unite 10gr. di olio, salate, amalgamate e aggiungete metà del ragù, amalgamate, impiattate e versate sopra il restante ragù e ultimate con un giro d’olio

La ricetta si presta ad essere realizzata anche in versione cotta, cuocendo a vapore le tagliatelle o saltandole per pochi minuti in una padella ben calda e aggiungendo il condimento dopo aver tolto le tagliatelle dalla padella e scolato l’eventuale liquido che potrebbero aver rilasciato.

Scrivi