Il 15 ottobre, alle ore 15, c’è Napoli-Roma. I precedenti più famosi

napoli-romaIl prossimo 15 ottobre, con il Napoli al secondo posto in Campionato e la Roma a seguire a un solo punto di distanza, si terrà “il derby del sole”: Napoli-Roma, allo Stadio San Paolo. La partita si è giocata 75 volte Serie A e 10 volte in Coppa Italia, davanti al pubblico partenopeo.

Gli Albori e la Roma del primo scudetto

Il primo incontro tra le due squadre si è disputato il 24 giugno 1928. Il Napoli era stato fondato solo due anni prima; la Roma l’anno precedente. E’ una partita di Coppa CONI e si gioca all’Arenaccia, uno stadio militare che sarà dismesso dopo pochi mesi. Vince il Napoli per 2-0.

Tre anni dopo il confronto si svolge nel nuovo stadio napoletano, costruito da poco, e dedicato al Presidente degli “azzurri” Giorgio Ascarelli. Vince ancora il Napoli per 3-0, con doppietta di Mihalic e gol di Attila Sallustro. La prima vittoria della Roma è datata 18 dicembre 1932 per 2-1, con gol decisivo di Rodolfo Volk al 68’.

Quando la Roma vinse il suo primo scudetto, nel 1941-42, il derby del sole finì, 1-1 con gol di Amedeo Amadei per i giallorossi (negli anni successivi passerà al Napoli e darà anche alcuni dispiaceri alla sua ex squadra) e pareggio per il Napoli di Verrini. L’impresa di pareggiare con i futuri Campioni d’Italia non evitò al Napoli la sua prima retrocessione in serie B.

I “tempi cupi”

Nel dopoguerra, iniziano i “tempi cupi” anche per la Roma ma, il 22 giugno 1947 i giallorossi, infliggono al Napoli una delle loro vittorie con più roboanti: 3-0, con doppietta di Naim Kriezu. L’anno dopo, Kriezu veste la maglia napoletana ma sono gli “azzurri” ad essere retrocessi – forse – proprio, grazie al 2-1 che i giallorossi infliggono loro all’Ascarelli (ora: Stadio della Liberazione), con doppietta dell’italo-argentino Bruno Pesaola, poi anche lui giocatore e allenatore dei partenopei.

La prima partita allo Stadio San Paolo fu giocata il 23 ottobre 1960 e si concluse 3-2 per il Napoli, ma non bastò a evitare alla squadra partenopea la sua terza retrocessione in Serie B. Esaltante, invece, il pareggio per 3-3 della stagione 1962-63: va in vantaggio la Roma, con doppietta di Manfredini (il secondo gol su rigore); accorcia Corelli per il Napoli, nuovamente su rigore; Manfredini ripristina le distanze e, poi, ancora un rigore per il Napoli, realizzato da Corelli; infine il pareggio di Fraschini.

Roma e Napoli entrambe in cima alla classifica

Il 12 ottobre 1971, una delle più sonore vittorie del Napoli: 4-0, con doppietta di Esposito e gol di Altafini (che già ne aveva segnati cinque, ai giallorossi) e di Pogliana. Il 19 ottobre 1980, finalmente, le due squadre scendono in campo per contendersi il primato della Serie A: è un altro 4-0 per il Napoli, ma con due autogol dei giallorossi. I partenopei, quell’anno arriveranno terzi mentre la Roma sfiorò lo scudetto, penalizzata da un famoso errore arbitrale che annullò un gol regolare di Turone, contro la Juventus a Torino.

Il secondo scudetto della Roma fu solo rimandato al 1982-83. Quell’anno i giallorossi scesero in campo al San Paolo e sconfissero il Napoli per 3-1, dopo che erano stati i partenopei ad andare in vantaggio con il romano Claudio Pellegrini; gli “azzurri” erano allenati da Bruno Pesaola.

Il Napoli scudettato di Maradona

Il derby del sole nell’anno del primo scudetto del Napoli (1986-87) finì 0-0; ma il Napoli si aggiudicò lo scontro tre anni dopo, per 3-1, quando vinse il suo secondo scudetto. Stavolta, al contrario, andò in vantaggio la Roma con Sebino Nela e ci vollero due rigori trasformati da Maradona e un gol del brasiliano Careca per aver ragione degli avversari. La cessione del “Pibe de Oro” ebbe conseguenze disastrose per i napoletani che, nel 1997-98 conobbero ancora una volta la retrocessione e la sconfitta in casa con la Roma, per 2-0, grazie ai gol di Totti e di Di Biagio.

La Roma del terzo scudetto e i derby di Coppa Italia

L’anno dopo, il Napoli riuscì a tornare in Serie A e, nel 2000-01, si trovò a giocare il derby contro una Roma fortissima, in testa al Campionato: 2-2 fu il risultato del San Paolo che non impedì alla Roma di conquistare il suo terzo scudetto e al Napoli di essere retrocesso per l’ennesima volta. Due derby di Coppa Italia, da segnalare per il numero dei gol, furono giocati  l’8 dicembre 2005 e il 12 febbraio 2014. Entrambi si conclusero con due sonori 3-0 ma il primo a favore per la Roma e il secondo per il Napoli.

Come finirà?

La Roma non vince al San Paolo dal 18 dicembre 2011: 3-1 grazie due autoreti (del portiere De Sanctis – che poi indosserà la maglia della Roma – e di Paolo Cannavaro) mentre segnò anche il romanista Pablo Osvaldo (ora in procinto di vestire la maglia azzurra dei partenopei?) e lo slovacco-napoletano Marek Hamsik.

Da allora vi sono state quattro vittorie consecutive dei partenopei e, l’anno scorso, un pareggio a reti bianche. Il pronostico propende ancora per i napoletani ma, si sa, un derby è sempre un derby e il risultato può avere esito assolutamente imprevedibile.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Per inserire il commento devi rispondere a questa domanda: *