Federico Palmaroli, dalla filosofia di Osho alla politica

L’autore di Le più belle frasi di Osho, parla della sua pagina cult, di un’avventura top secret nel mondo dello spettacolo e di un nuovo libro in cantiere

Dietro Le più belle frasi di Osho, c’è lui Federico Palmaroli, scanzonato quarantacinquenne che, consolidato il successo dell’intoccabile santone indiano dalle massime romanesche, prosegue parallelamente la sua vita d’impiegato, indirizzando ora la sua attività social, verso la satira politica e i fatti d’attualità.

Chi è Federico nella vita di tutti i giorni?

«Un semplice impiegato nulla di più».

Sei così scanzonato anche nella realtà?

«Si fa parte della mia essenza».

Qual è il segreto del successo de Le più belle frasi di Osho?

«Credo l’utilizzo di quei modi di dire dialettali, tipici del parlare quotidiano, gli stessi nei quali ogni lettore si può riconoscere».

Ora pero Osho guarda alla satira politica

«Si, applicando lo stesso meccanismo adottato per Osho. Mi sono semplicemente orientato verso un ambito che ogni giorno offre un’infinità di nuovi spunti, che riempie i notiziari e che la gente vive da vicino».

Cosa vuoi raccontare in particolare attraverso le tue vignette?

«I fatti di attualità in tempo reale».

Trattare il tema politico ti ha creato problemi?

«Beh certamente qualcuno si è risentito, qualche attacco, qualche scontro fra i seguaci della pagina, cosa che naturalmente non accade per Osho».

Cosa pensi di questa improbabile coalizione al governo?

«Tendenzialmente sono portato a mettermi sempre dalla parte di chi viene sempre messo sotto accusa anche quando si tratta della maggioranza. Vedo in questo assetto di governo un’inversione di rotta. Magari non saranno capaci, e fra un anno non saranno più al potere; dobbiamo solo vedere quel che succede»

Due partiti che hanno mostrato alcune contraddizioni nel fatto stesso di accettare nel contratto politico l’uno le intenzioni dell’altro

«Certamente questo duo scaturisce dalla volontà di entrambi di governare; ma quando mai la politica è stata coerente? Io non alcun interesse di parte, quindi assisto come qualunque altro cittadino al loro operato, augurandomi che facciano il bene dell’Italia e degli italiani».

La tua città Roma, come la vedi oggi?

«E’ una città in cui secondo me i problemi non si potranno mai risolvere e non è un fatto di politica quanto un discorso culturale. La capitale risente indubbiamente dell’operato dei governi che si sono succeduti e ci aspettiamo che si instauri davvero un clima di maggior trasparenza; ma ricordiamoci che Roma siamo anche noi e il rispetto che le dobbiamo».

Mai corteggiato da cinema e tv?

«Diciamo che qualcosa si sta muovendo al livello autoriale; ma preferisco parlare di questa nuova avventura quando l’avrò intrapresa».

Hai altri libri in progetto?

«Si, ce n’è uno in fase embrionale in cui ho intenzione di trattare ancora fatti di attualità politica».

Come sarà la tua estate?  

«Al di là del tempo dedicato per mantenere attiva la pagina sui social, non voglio far altro che riposarmi, perché ho veramente il cervello fritto».

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Per inserire il commento devi rispondere a questa domanda: *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.