Champions League: le italiane costrette a vincere

atleticoLe tre italiane, (Roma, Napoli e Juventus) impegnate in Champions League non raggiungono gli ottavi rimandando il passaggio del turno all’ultima gara disponibile.

La Roma cade contro l’Atletico Madrid di Simeone e per accedere agli ottavi deve necessariamente vincere contro il Qarabag il 5 dicembre, discorso che accomuna i giallorossi alla Juventus che dopo il pareggio contro il Barcellona per superare la fase a gironi deve battere l’Olympiacos.

Per il Napoli il discorso è ancora un po’ più complicato, i partenopei oltre a cercare la vittoria contro il Feyenoord devono sperare nella sconfitta dello Shakhtar.

Il momento non è certo facile per le tre migliori squadre italiane impegnate nella principale competizione europea e, anche se flebile, la speranza ancora c’è.

Roma, Juventus e Napoli dimostrano di poter competere con grinta e determinazione non solo a livello nazionale.

Atletico Madrid 2-0 Roma

Nel match contro l’Atletico Madrid, al Wanda Metropolitano di Madrid, la Roma dopo aver disputato un ottimo primo tempo perde lucidità solo nella ripresa. Dopo un primo tempo privo di grandi emozioni e decisamente equilibrato la partita si accende nella ripresa con il palo colpito da Nainggolan. Un pericolo che sveglia i padroni di casa in vantaggio poco dopo con un gol meraviglioso di Griezmann, una rovesciata spettacolare all’incrocio dei pali. Dopo il gol subito l’espulsione di Bruno Peres lascia maggior spazio agli avversari che chiudono il match con il raddoppio di Gameiro che fredda la Roma costretta a inseguire la qualificazione. La personalità mostrata dai giallorossi fa comunque ben sperare, la squadra di Di Francesco

Juventus 0-0 Barcellona

juveIl pareggio fa volare il Barcellona agli ottavi, i catalani ottengono anche il primato. Ai bianconeri per superare la fase a gironi non resta altra possibilità se non battere l’Olympiacos nell’ultimo match disponibile. La squadra di Allegri non fa risultato ma esce comunque soddisfatta dall’incontro contro il Barcellona. Il match tra le due formazioni è intenso ma ad essere particolarmente pericoloso è il Barcellona, soprattutto al 22’ con il clamoroso palo colto da Rakitic. Nella ripresa sono ancora gli ospiti a controllare e gestire mettendo in seria difficoltà i bianconeri. Nonostante la grande intensità di gioco mantenuta sino al fischio finale, e l’occasionissima nel finale (92’) di Dybala, il match termina con un inaspettato pareggio a reti inviolate.  

Napoli 3-0 Shakhtar Donetsk

napoli - championIl Napoli deve ancora lottare con le unghie e con i denti per la qualificazione ma il rotondo risultato ottenuto contro lo Shakhtar lascia ancora viva la speranza. La squadra di Sarri dopo un primo tempo sotto tono sfoggia tutte le sue qualità nella ripresa con una prestazione sublime.A far sognare i tifosi è il gol magnifico di Insigne, l’attaccante si libera della difesa, si accentra con disinvoltura e con un destro veloce e preciso buca la rete. Questo è solo l’inizio perché dopo il vantaggio il Napoli non si ferma più e prima Zielinski poi Mertens (gol e assist per lui che ancora una volta so conferma tra gli uomini più rappresentativi del Napoli) costringono gli ospiti alla resa.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Per inserire il commento devi rispondere a questa domanda: *