Andrea Gandini, l’artista che dona nuova vita ai tronchi di città

La strage degli alberi nelle nostre città

Per diversi motivi che vanno dall’incuria, alle bufere di vento, alle aggressioni di parassiti o addirittura ad atti vandalici, in molte delle città italiane ed europee alberi di ogni tipo vengono abbattuti ogni anno.

Spesso sono anche i costi di manutenzione e potatura, non sempre prioritari per le amministrazioni comunali, la ragione per cui si preferisce abbattere platani, pini ed altre specie ad alto fusto.

In aggiunta al danno ambientale (riduzione delle zone di ombra nelle calde estati cittadine, minore produzione di ossigeno ed eliminazione di anidride carbonica), si crea un danno estetico con mozziconi di tronchi disseminati per le vie.

Un giovane artista riporta in vita i tronchi

Da qualche anno i cittadini di Roma hanno iniziato a vedere questi spezzoni monchi di albero, tornare a vivere in una nuova forma artistica.

Lo si deve all’idea e alla bravura di un giovane artista di 23 anni, Andrea Gandini, che dal momento del suo completamento degli studi presso il Liceo Artistico, ha iniziato a scolpire tronchi nelle strade della Capitale.

Per sua stessa ammissione, elabora le sue opere accovacciato in terra, senza chiedere le autorizzazioni del caso, certo a ragione che la burocrazia del nostro paese ne bloccherebbe la realizzazione.

La principale gratificazione al suo lavoro, arriva proprio dalla moltitudine di romani e turisti che rimangono stupiti ad ammirare volti e corpi ricavati con bravura in tronchi che spesso non sono più alti di 70-80 centimetri.

In centro come in periferia e anche fuori città

Lo scoiattolo a Fiuggi

Al momento Andrea Gandini ha inciso oltre 65 tronchi di albero, spaziando Roma in lungo ed in largo, dalla centrale Trastevere, ai viali di Prati, ai quartieri periferici di Cinecittà e Primavalle.

L’artista ha anche realizzato dei lavori in Toscana, Umbria, Marche, Sicilia, Campania, Basilicata e Lombardia. Ha poi varcato le frontiere per scolpire un tronco in Ungheria!

E’ singolare e molto bello vedere le persone che camminano distratte nei loro pensieri, accorgersi della scultura nel tronco e chinarsi ad osservarne compiaciuti i dettagli!

Ancora più bello che a ridare vita ad un frammento di natura morta sia un giovane ragazzo, che ha trasferito la sua passione e le sue qualità al servizio dell’abbellimento del nostro ambiente quotidiano.

Male estremo, ottimo rimedio …

Tronchi con San Pietro e, dietro, il Colosseo

E’ ovvio che tutti, ecologisti o meno, vorrebbero vedere nuovi alberi in sostituzione di quelli ammalorati e quindi tagliati.

Però, considerando che alcuni dei tronchi che Gandini ha decorato, erano rimasti nel dimenticatoio come ceppi inutili per lunghi anni, non si può che fare un applauso a questo ragazzo dotato di grande fantasia e generosità!

Le foto sono disponibili nel sito di Andrea Gandini ➡️➡️➡️

1 risposta

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Per inserire il commento devi rispondere a questa domanda: *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.