A cena con la Luna e Marte: appuntamento con l’eclissi totale più lunga del secolo

Vi ricordate la famosa canzone di Gianni Togni? Quella che faceva “Luna ti ho vista dappertutto anche in fondo al mare ma io lo so che dopo un po’ ti stanchi di girare”.

Ecco, sarà il caso di rispolverarla perché pare proprio che, quest’estate non saremo costretti a vedere il mondo da un oblò ma godremo gratuitamente di uno spettacolo esclusivo.

Protagonista indiscussa sarà certamente la Luna che per l’occasione indosserà una veste rubino.

Infatti, nella notte tra il 27 e 28 luglio, il nostro satellite si tingerà di rosso e transiterà nella parte centrale del cono d’ombra della Terra generando l’eclissi totale più lunga del secolo: 1 ora 42 minuti e 57 secondi.

Inoltre, negli stessi attimi, la Luna raggiungerà l’apogeo, il punto più distante dalla Terra, apparendo come la più piccola e più lontana luna piena dell’anno.

Dhara Patel, astronoma all’Osservatorio Reale di Greenwich, ha spiegato sulle pagine di Express UK che “l’orbita lunare attorno al pianeta è piuttosto irregolare e più ellittica che rotonda. A causa di quest’orbita, la distanza media della Luna dalla Terra si allunga e si accorcia a seconda della sua posizione nel cielo. Durante l’eclissi di luglio la Luna sarà nella sua posizione più lontana dalla Terra”.

Ha poi aggiunto che “durante l’estate la Terra è al suo punto dell’orbita più lontano dal Sole, in afelio. Durante questo periodo, l’ombra dietro la Terra è in realtà più lunga e più ampia. Questo significa che la Luna impiegherà più  tempo per passare attraverso l’ombra”.

Ecco spiegati i motivi di questa eclissi da record.

Ma le coincidenze non finiscono qui.

Nella sua sfilata la Luna di Sangue sarà vicina a Marte; il pianeta rosso si troverà nella posizione opposta al Sole -la migliore dal 2003- e si esibirà, per tutta la notte, in tutta la sua bellezza luminosa per poi raggiungere, il 31 luglio, la distanza minima dalla Terra (57.590.630 chilometri).

Lo spettacolo inizierà alle ore 21:30 italiane e raggiungerà il suo culmine alle 22.22.

Sarà visibile principalmente nell’emisfero orientale mentre Nord America, gran parte dell’Artico e dell’Oceano Pacifico ne saranno esclusi.

Sperando in un cielo privo di nubi, l’eclissi potrà essere ammirata anche a occhio nudo, senza necessità di un telescopio, ma sarà preferibile avere l’accortezza di scegliere un luogo scevro da inquinamento luminoso.

Associazioni di astrofili e astronomi stanno già organizzando raduni nelle varie città d’Italia per assistere insieme all’evento; in alternativa, sarà possibile collegarsi al sito The Virtual Telescope e partecipare alla diretta online.

Il 27 luglio sarà una notte irripetibile e piena di meraviglie, solo allora potrete dire di aver veramente sognato ad occhi aperti.

Mappa dei luoghi in cui l’eclissi sarà visibile

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Per inserire il commento devi rispondere a questa domanda: *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.